Latest Posts

Categories: Comunicati stampa

Il 27 gennaio 1945 venivano abbattuti i cancelli del campo di concentramento di Auschwitz.
L’Italia riconosce il 27 gennaio ‘Giorno della Memoria’ per commemorare “la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati” (Legge 20.7.2000, n. 211)
Il Club UNESCO ‘Federico II’ presieduto dal dott. Sergio De Peppo, collabora con l’Associazione Culturale e Teatrale Mythos di Lucera diretta dalla prof.ssa Lucianna Modola che ha organizzato in due momenti (27-28 gennaio 2013) il percorso del ricordo di quei tragici eventi, dal titolo “Poeti contro la guerra”: domenica 27 alle ore 18.30 presso la Sala Rosa del Convitto Nazionale ‘Ruggero Bonghi’, e lunedì 28 alle ore 10.30, al Teatro Comunale ‘Garibaldi’ per gli studenti delle scuole cittadine.
L’evento è patrocinato dal Comune di Lucera.
Il reading letterario prevede la lettura di autori tra i più importanti nella letteratura del novecento selezionati dalla professoressa Modola direttrice artistica dell’evento, interpretati dagli attori dell’Associazione ‘Mythos’, accompagnati al pianoforte dal Maestro Giuseppe Marzano, e al violoncello dal Maestro Giuseppe Massariello.

Elie Wiesel ha scritto: “ad Auschwitz sono stati intrapresi, catalogati e perfezionati i tentativi aventi lo scopo di disumanizzare l’uomo e ridurlo alla condizione di oggetto, di numero, di matricola”.
Nel 1979, l’UNESCO ha inserito il campo di concentramento di Auschwitz Birkenau nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità, perché “è direttamente o materialmente associato con avvenimenti o tradizioni viventi, idee o credenze, opere artistiche o letterarie dotate di un significato universale eccezionale”.

Con la risoluzione n.60/7 del novembre 2005, l’ONU ha istituito la Giornata Internazionale di Commemorazione in Memoria delle Vittime dell’Olocausto.

Questi gli autori scelti dalla prof.ssa Lucianna Modola: Alceo, Saffo, Tibullio, Curzio Malaparte, Salvatore Quasimodo, Giuseppe Ungaretti, Umberto Bozzini, Michele Urrasio, H.Böll, H.Fast, G.Berto, T.Lisi, E.Toller, P.Calamandrei, E.Wiechert, Primo Levi, Katzenelson, G.Kolmar, G.Mistral, Maria Palamà, A.Giannini, E.A.Evtushenko, L.Masters, Tagore, Fabrizio De Andrè, Gianni Rodari, Nicola Piovani.

Categories: Comunicati stampa

Madre Terra: Alimentazione, Agricoltura e Ecosistema: è questo il titolo della Settimana UNESCO di Educazione allo Sviluppo Sostenibile, in programma dal 19 al 25 novembre 2012.
La Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO ci ricorda i tanti temi trattati ed offerti all’attenzione dell’opinione pubblica: agricoltura, rispetto del territorio, biodiversità, salute, gestione sostenibile delle risorse naturali, riduzione degli sprechi, diminuzione dell’impronta ecologica, modelli equi e sostenibili di produzione e consumo, filiera corta, tradizione e saperi delle popolazioni, distribuzione globale delle materie.
Quale contributo può provenire dalle politiche pubbliche, dal nostro impegno quotidiano come cittadini, dalle nostre forme di consumo, dalla ricerca e dall’innovazione nel settore agroalimentare? Come è possibile immaginare insieme nuovi modelli di sviluppo che tengano conto delle esigenze di sostenibilità del nostro territorio? A queste domande cercano di rispondere centinaia di realtà – istituzioni, scuole, associazioni, imprese, fondazioni, università – che sotto l’egida ed il coordinamento della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO danno vita ad un ricco calendario di eventi in rete, quali convegni, laboratori, escursioni, mostre, giochi, spettacoli, dimostrazioni pratiche; occasioni per condividere competenze, sensibilità e conoscenze necessarie per salvaguardare il nostro ricco patrimonio culturale e naturale, nonché la nostra salute e le risorse vitali per l’umanità.
La Settimana si inquadra nel “DESS – Decennio dell’Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2005-2014”, campagna proclamata dall’ONU e coordinata dall’UNESCO, allo scopo di diffondere valori, conoscenze e stili di vita orientati al rispetto del bene comune e delle risorse del pianeta. Il tema dell’anno viene scelto dal “Comitato nazionale DESS”, composto da istituzioni, associazioni, rappresentanze socio-economiche, ONG, centri di ricerca e formazione, agenzie ambientali, reti di scuole, tutti impegnati in Italia per promuovere la cultura della sostenibilità.
Le precedenti edizioni della Settimana di Educazione allo Sviluppo Sostenibile sono state dedicate ai temi dell’Energia (2006), dei Cambiamenti Climatici (2007), della Riduzione e Riciclaggio dei Rifiuti (2008), della Città e Cittadinanza (2009), della Mobilità Sostenibile (2010), dell’Acqua (2011), registrando un sempre crescente successo di partecipazione.

Tra gli eventi del nutrito calendario nazionale, si inserisce la conferenza dal titolo “Ricomincio da…Terra”, organizzata dal Club UNESCO “Federico II” di Lucera, in programma sabato 24 novembre 2012 alle ore 18,30 presso l’Auditorium dell’Istituto Comprensivo “Bozzini-Fasani” di viale Raffaello, diretto dal Prof. Mario Tibelli.
La conferenza, alla quale partecipa il Dott. Giuseppe De Sabato Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia, si avvale della presenza di esperti, relatori su vari temi: il dott. Paolo La Cava (“Ruolo dell’agricoltura nella salvaguardia dell’ambiente e per la tutela della qualità della vita”); il dott. Antonio Finaldi (“Alimentazione consapevole”); il dott. Maurizio Di Bisceglie (“Stili di vita, ambiente, alimentazione e cancro”).
L’evento, volutamente organizzato in una scuola al fine di trasmettere conoscenze e saperi soprattutto alle generazioni più giovani, vuole evidenziare il legame di alcuni alimenti con il territorio, il nesso con la tradizione popolare legata anche alla riduzione degli sprechi, e fornire spunti utili per l’approccio ad un’alimentazione corretta.

Categories: Comunicati stampa

Il Club UNESCO ‘Federico II’ di Lucera, in collaborazione con il Circolo Unione ed il Rotaract di Lucera, è lieto di invitare la S.V. gli “Incontri con gli Autori” che avranno luogo nel Salone di Rappresentanza del Circolo Unione di Lucera il 28 e il 29 settembre 2012, con inizio alle ore 19, secondo il seguente programma:

Venerdì 28 settembre, ore 19: presentazione del libro di Giuseppe Di Giovine, già magistrato e docente universitario, “La mia Daunia” (Catapano Libreria Editrice 2012)
Saluti:
– On. Vincenzo Bizzarri, Presidente del Circolo Unione di Lucera.
– Avv. Pietro Agnusdei, Vicepresidente Vicario della Federazione Italiana dei Club e Centri UNESCO.
– Dott. Sergio De Peppo, Presidente del Club UNESCO ‘Federico II’ di Lucera.
Introduce il Dott. Antonio Petrone, storico dell’arte e socio giovane del Club UNESCO ‘Federico II’ di Lucera.
Intervento dell’Autore.
Dibattito.

C’è un periodo della vita in cui l’immagine immediata della realtà tende ad affievolirsi, mentre il passato appare con i contorni più netti e ci regala l’emozione del già vissuto, arricchito dall’esperienza e dalla ricerca di riferimenti e stimoli culturali. E’ in tal modo che il magistrato Giuseppe Di Giovine, dopo la felice fanciullezza trascorsa a Lucera e i lunghi anni vissuti lontano dalla sua terra di origine, rende omaggio alla sua “patria”, narrando ricordi ed emozioni, sollevando interrogativi e proponendo iniziative di risveglio culturale che prendono spunto da una considerazione di fondo: la produzione letteraria sulla Daunia, ed in particolare quella su Lucera, è caratterizzata sempre più dall’incontro fra la cultura europea e quella mediorientale. Ma perché la Daunia e perché Lucera? Perché il Gargano e la grande pianura del Tavoliere, i Monti dauni, la costa o l’arcipelago delle Diomedee? La risposta a questo interrogativo apre grandi orizzonti e ci offre l’opportunità di intraprendere un viaggio sentimentale nei luoghi “dello spirito” , dove è possibile trovare un tesoro smarrito, uno “scrigno” che ci fa discostare dagli “ingranaggi dei movimenti” di massa e che ci porta ad apprezzare le meraviglie di una realtà ancora a misura d’uomo. Una realtà dove è ancora possibile sognare.
Giuseppe Di Giovine è componente del Consiglio Internazionale del Diritto Ambientale, l’organizzazione mondiale dei giuristi specialisti in ambiente e svolge ricerche e studi per la creazione di schemi legislativi destinati alla soluzione di problemi ambientali dell’umanità. E’ segretario generale della Società Italiana per il diritto delle risorse naturali e dell’ambiente e componente dell’Associazione internazionale del diritto delle acque. Già magistrato ordinario, ha contribuito allo sviluppo dei principi e dei contenuti della nuova disciplina del diritto dell’ambiente, tramite l’insegnamento al Corso di laurea in Pianificazione Territoriale a Venezia ed alla Facoltà di Economia di Brescia. Ha sviluppato la teoria della partecipazione popolare nella gestione dell’ambiente, con il testo “Ambiente e Potere”; ha fondato e diretto la rivista “L’ambiente e il diritto”, è stato presidente della Commissione per il Piano Generale di difesa del mare e delle coste ed ha presieduto la Commissione ecologica del Ministero della Giustizia.

Sabato 29 settembre, ore 19: presentazione del libro di Alessandro Forte, economista e consulente finanziario, “La Londra degli Italiani” (Aliberti Editore 2012)
Saluti:
– Dott. Sergio De Peppo, Presidente del Club UNESCO ‘Federico II’ di Lucera.
– Marco Brancaccio, Presidente del Rotaract di Lucera.
Introduce il prof. Mario Tibelli, dirigente scolastico e segretario del Club UNESCO ‘Federico II’ di Lucera.

Intervento dell’Autore.
Dibattito.
Nel corso della serata il mezzosoprano Roberta Pia Sollazzo eseguirà tre romanze musicate a Londra da Francesco Paolo Tosti: ” ‘A vucchella. Arietta di Posillipo” (versi di G. D’Annunzio), “Malia” (versi di R.E. Pagliara) e “L’Ultima canzone” (versi di F. Cimmino).

I numeri parlano chiaro: Londra è un pezzo d’Italia: 70.635 residenti, altro che ‘Little Italy’, molto più delle nostre piccole province, 200.643 nel Regno Unito. Alessandro Forte è uno di questi, uno dei tanti “cervelli” in fuga dall’Italia che a Londra lavora da giovane banchiere e che dal cuore della City ci ricorda che sono almeno due secoli che la capitale del Regno Unito accoglie gli italiani “respinti” dallo Stivale, dando vita a molte storie che potremmo definire ancora “nostre”. Storie di italiani in cerca di fortuna e di successo: dai poveri e poverissimi che si concentrarono nell’Ottocento a Soho e a Clerkenwell per inventarsi la sopravvivenza, ai ricchi che si insediarono a Kensington; dai sognatori ai reazionari, dai rivoluzionari ai democratici. Operai, gelatai, sarti, artisti, imprenditori, intellettuali: lungo le sponde del Tamigi e all’ombra del Big Ben gli italiani hanno lasciato le loro tracce in ogni angolo e certi eventi londinesi sono entrati nella leggenda grazie al sacrificio e all’entusiasmo degli italiani. Alcune sono storie sconosciute ma importanti, altre sono note ma dimenticate. Non solo quelle di Giuseppe Mazzini, don Sturzo, Gaetano Salvemini, Carlo Rosselli o Guglielmo Marconi, ma anche quelle del patriota Antonio Panizzi, divenuto il direttore della Biblioteca del British Museum, o del garzone emiliano Dorando Pietri, l’eroe della prima delle tre Olimpiadi londinesi, o quella dell’abruzzese Francesco Paolo Tosti, che la regina volle come insegnante di canto dei suoi figli, o, più di recente, quella di sir Antonio Pappano, beneventano appassionato di canto lirico, cresciuto senza frequentare il conservatorio ma nominato nel 2002 direttore musicale del Royal Opera House. Ieri come oggi Londra ha sempre premiato e valorizzato il talento e i sacrifici di generazioni di lavoratori e di professionisti, di ragazze e di ragazzi che scappano dal Bel Paese. Non c’è da stupirsi, come ci spiega il “nostro” Alessandro Forte, se ancora oggi gli italiani amano Londra, un città giovane, dove vivono 400 mila universitari di ogni continente e dove il numero degli studenti italiani è in crescente aumento, come quello dei professori e dei ricercatori: tremila docenti tenuti alla larga dai baroni di casa nostra ma rispettati a Londra. Come ha scritto Fabio Cavalera sul Corriere della Sera del 27 luglio, una verità è certa: “se Londra non esistesse gli italiani dovrebbero inventarsela uguale a quella che già c’è”.

Sulla scia degli incontri organizzati in occasione del ‘Maggio dei Libri’ 2012 nell’ambito della campagna di promozione della lettura ‘Leggere fa crescere’, con questo secondo ciclo di appuntamenti il Club UNESCO di Lucera, in linea con i principi dell’Organizzazione delle Nazioni Unite specializzata nella diffusione dell’Educazione, della Scienza e della Cultura, vuole ribadire l’importanza che la scrittura e la lettura rivestono nella trasmissione della conoscenza e della capacità critica degli individui.

Categories: Comunicati stampa

QUATTRO INIZIATIVE DEL CLUB UNESCO DI LUCERA PER CELEBRARE LE GIORNATE MONDIALI DEL LIBRO E DEL DIRITTO D’AUTORE

“Leggere fa crescere”: è questo il filo conduttore del “Maggio dei Libri”, la campagna nazionale nata nel 2011 con lo scopo di favorire l’abitudine alla lettura ed accrescere la voglia di leggere, focalizzando l’attenzione sulla lettura come strumento per la crescita personale e collettiva. Le iniziative rientrano nella campagna nazionale “Il Maggio dei Libri”, che inizia ogni anno il 23 aprile, in coincidenza con la Giornata mondiale del Libro e del diritto d’autore promossa dall’UNESCO, e culmina il 23 maggio con la Festa del libro, promossa dal Centro per il Libro e la Lettura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali sotto l’alto patronato del Presidente delle Repubblica e con il patrocinio, tra gli altri, della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO.
Lo scopo della campagna è quello di portare il libro fra la gente, distribuirlo, farlo conoscere ed amare; considerarlo un proprio compagno di viaggio, uno elemento di arricchimento dal forte valore sociale e affettivo.

In questo spirito si collocano le quattro “serate” a tema organizzate tra maggio e giugno dal Club UNESCO “Federico II” di Lucera, presieduto dal dott. Sergio De Peppo. Quattro distinti incontri su temi di storia patria che si terranno nell’ottocentesco Salone di Rappresentanza del Circolo Unione di Lucera, nella centralissima Piazza del Duomo, con inizio alle ore 19.

Il primo incontro è fissato per sabato 26 maggio, con la presentazione del libro di Dionisio Morlacco “Quei nomi di pietra. Toponomastica della Città di Lucera” (Claudio Grenzi Editore). Relatore sarà il professor Paolo Emilio Trastulli, critico d’arte e presidente della Famiglia Dauna di Roma.

Il secondo appuntamento è con un altro volume “fresco di stampa”, un’opera in formato catalogo dal titolo “Le Famiglie Patrizie di Lucera” (Claudio Grenzi Editore), scritta da due ricercatori: Francesco Lombardo di San Chirico e Donatella Battista, entrambi presenti all’incontro di venerdì 1° giugno.

Il ciclo di “Incontri con l’Autore” proseguirà con due appuntamenti periodici del Sodalizio lucerino, giunti entrambi alla terza edizione: “Lucera Medievale”, in programma venerdì 8 giugno, e “Lucera Barocca”, che si terrà sabato 9 giugno 2012.

L’incontro dell’8 giugno avrà per tema “I Domenicani a Lucera e il Beato Agostino Kazotic” (sec. XIV) e come relatori Padre Gerardo Cioffari, Archivista della Basilica di San Nicola a Bari e Mons. Domenico Cornacchia, Vescovo della Diocesi Lucera-Troia.

Il giorno successivo sarà la volta della professoressa Rita Mavelli, storica dell’arte, che parlerà dell’Arredo barocco della cattedrale di Lucera e della cappella di santa Maria Patrona. L’introduzione sarà del dott. Massimiliano Monaco, coordinatore del progetto “Lucera Barocca. Itinerari artistici in Capitanata” e socio ordinario del Centro Ricerche di Storia religiosa in Puglia.

Categories: Manifestazioni

Concorso Scolastico Letterario Regionale “Una poesia per la pace” – 7^ Edizione
Aula “Mariani” I.I.S. “Alberico Marrone” Lucera – 24 marzo 2012
Tema: “La pace: un sogno?”

Ecco l’elenco dei lavori premiati
a) Sezione Scuola Secondaria di 2° grado

1° posto: “Non voglio smettere di credere” Eleonora CRETA 4^E Liceo Classico/Scientifico “R.Bonghi” Lucera (diventa socio giovane della sezione under 30 Club UNESCO ‘Federico II’)
Premio: stampante multifunzionale Panasonic (offerta da PUNTO NET di Paolo Cibelli – via Mazzini, Lucera)

2° posto: “Il cuore attende qualcosa” Maria Chiara LOMBARDI 4^A Liceo Classico “Fiani” Torremaggiore (FG)
Premio: pen drive (offerta da GIOIELLERIA MARGIO’ – corso Garibaldi, Lucera)

3° posto: “Sogno d’estate … “ Michela DI FLUMERI 5^B IPSSAR “R. Bonghi” Lucera
Premio: borsa-cartella (offerta da ROBERTO DE MARE Cartolibreria – viale Dante, Lucera)

b) Sezione Scuola Secondaria di 1° grado

1° posto: “La pace: un sogno” Michele URRASIO 3^C Istituto Comprensivo “Manzoni” Lucera
Premi: vocabolario lingua italiana (offerto da BLOCK NOTES di Rosa Pilla – via Roma,Lucera)

lampada da tavolo (offerta da COSE COSI’ di Paolo De Peppo – via Napoleone Battaglia, Lucera)

2° posto: “Un caldo abbraccio di pace” Roberta SELLUTO 3^D Scuola Sec. 1° grado “Ignazio Silone” Ugento (LE)
Premio: MP3 player (offerto dal CENTRO TIM Stanca di Franco Stanca – via Amicarelli, Lucera)

3° posto: “Pace” Lia CARBONE 3^A Scuola Sec. 1° grado “Anna De Rienzo” Bitonto (BA)
Premio: mouse ad induzione (offerto da IDEAL WEB di Marco Pignatelli -via Appulo Sannitica, Lucera)

Ecco l’elenco dei lavori segnalati
c) Sezione Scuola Secondaria di 2° grado
-“Sogni vani” Serena GALLO 4^ TAM I.I.S. “Marrone” Lucera
-“Spegnete le luci” Giorgia RAPPOSELLI 2^D I.I.S. “Pepe Calamo” Ostuni (BR)
-“La marcia della pace” Domenico COSCIA 3^A Geom. Ist. Tecn. “Vitt. Emanuele III” Lucera
-“Il soffio della pace” Fortuna DEL SORBO Istituto Magistrale “Rosmini” Lucera
-“Profumo di pace” Mariangela TRIVISONNE 5^B S Istituto Magistrale “Rosmini” Lucera
-“Pace: parole e costruzioni” Luigi PALMA 5^A Liceo Classico “Morea” Conversano (BA)
-“Addio alle armi” Giuseppe CASSANO 4^E Liceo Classico/Scientifico “R. Bonghi” Lucera

d) Sezione Scuola Secondaria di 1° grado
-“La pace. Un sogno?” Benedetta DI MILLO 3^C Scuola Sec. 1° Grado “Alighieri” Lucera
-“La quiete ritrovata” Francesco Saverio GIGLIO 3^B Istituto Comprensivo “Manzoni” Lucera
-“Immagina …” Luigi ABATE 3^G Scuola Sec. 1° Grado “Alighieri” Lucera
-“Se tu fossi … “ Francesco DI CARLO 3^G Scuola Sec. 1° Grado “Alighieri” Lucera
-“È una pace semplice” Antonio BASILE 3^A Scuola Sec. 1° Grado “Alighieri” Lucera
-“Speranza” Simone DE TROIA 3^G Scuola Sec. 1° Grado “Alighieri” Lucera
-“Sogno anelato” Alessandro LECCE 3^B Scuola Sec. Di 1° Grado “Virgilio” Troia

Categories: Comunicati stampa

Sabato 24 marzo 2012 alle ore 17,30 il Club UNESCO ‘Federico II’, presieduto dal dott. Sergio De Peppo, celebra la Giornata Mondiale della Poesia presso l’Aula ‘Mariani’ dell’Istituto di Istruzione Superiore “Alberico Marrone” in Lucera attualmente presieduto dal Dirigente Scolastico prof. Giuseppe De Angelis. La scuola ospita l’evento sin dalla sua istituzione nel 2006.
Saranno premiati i vincitori della VII edizione del concorso regionale “Una poesia per la pace”, riservato agli studenti delle Scuole Superiori e delle Scuole Medie Inferiori dell’intera regione Puglia e incentrato quest’anno sul tema ‘La pace: un sogno ? ‘. L’evento si avvale del patrocinio dell’Amministrazione Provinciale di Capitanata, dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia e del Comune di Lucera – Assessorato alla Cultura e P.I. .
Presidente di giuria è il poeta prof. Michele Urrasio; gli altri componenti sono il Dirigente Scolastico prof. Raffaele De Vivo, il Dirigente Scolastico prof.ssa Liliana Grasso, la prof.ssa Antonietta Forte, la prof.ssa Giada Cimino ed il prof. Vincenzo Beccia.
Coordinatore dell’evento è il Dirigente Scolastico prof. Mario Tibelli
Il servizio di accoglienza è curato dagli studenti dell’I.I.S. “Alberico Marrone”.
Le studentesse del Corso ‘Abbigliamento e Moda’, inoltre, sfileranno con le loro creazioni ispirate alla pittura, tema che l’UNESCO negli anni ha valorizzato dedicando la Giornata Mondiale della Poesia all’incontro tra le diverse forme della creatività.
La serata verrà arricchita dagli interventi musicali di Rosalia Angelilli, cantante ed interprete, diplomata presso il Centro Europeo di Toscolano (Avigliano Umbro), fondato e presieduto dal grande Mogol.
Previsti premi ai primi tre classificati delle due sezioni del concorso, e libri di poesie regalati dal Club UNESCO ‘Federico II’ ai primi dieci classificati di ogni sezione.
In particolare, il vincitore nella sezione “Scuola Secondaria di 2° grado” verrà premiato con l’iscrizione gratuita alla sezione giovanile Under 30 del Club UNESCO di Lucera.
Un sentito ringraziamento alla ‘MGF Comunicazione e Immagine’ che ha curato la comunicazione e l’immagine dell’evento, agli sponsor l’Immobiliare Fortunato S.r.l. ed il Palace Hotel di Lucera, nonché agli sponsor che hanno offerto i premi per i primi classificati (Ideal Web di Marco Pignatelli, Cartolibreria Roberto De Mare, Punto Net di Paolo Cibelli, Centro TIM Stanca, Block Notes di Pilla Rosa, Cose Così di Paolo De Peppo, Gioielleria Margiò).
Nel corso della serata, verranno donati agli studenti ed al pubblico i volumi editi dalla “MGF Comunicazione e Immagine” di Lucera, che raccolgono le poesie delle prime due edizioni 2006 e 2007 del Concorso.
Questi, quindi, gli ingredienti di un appuntamento diventato ormai familiare soprattutto per le Scuole del nostro territorio, visto anche il consueto elevato numero di partecipanti.
Da noi, e in tutto il mondo, come ci ricorda il Prof. Giovanni Puglisi, Presidente della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO – CNI: «la data del 21 marzo, che segna anche il primo giorno di primavera, riconosce all’espressione poetica un ruolo privilegiato nella promozione del dialogo e della comprensione interculturali, della diversità linguistica e culturale, della comunicazione e della pace».

Categories: Articoli

Si è svolta mercoledì 16 novembre, presso l’Aula Magna dell’Istituto Scolastico Comprensivo “Alessandro Manzoni” di Lucera, la premiazione del concorso di Arti Visive organizzato dall’Unesco “Punta al Castello” che per un intero anno (16.11.2010 – 31.10.2011) ha focalizzato l’attenzione sulla fortezza svevo-angioina di Lucera, capolavoro architettonico e patrimonio culturale di grande interesse storico e artistico per l’umanità. Massiccia la partecipazione al concorso che ha visto giungere alla giuria – composta da Luigi Valeno (Artista e pittore), Giuseppe Pellegrino (Fotografo Professionista), Vincenzo Beccia (Artista e pittore), Pasquale Festa (Artista e pittore), Salvatore Lovaglio (Docente di Decorazione presso l’Accademia di Belle Arti Foggia), Gerardo Parrella (Fotografo e membro del Consiglio direttivo del Foto Cine Club Foggia), Raffaele Battista (Fotografo e Socio del Fondo Ambiente Italiano) e Umberto Romaniello (Vignettista satirico) – più di 200 lavori. L’attenzione dei giurati è stata rivolta soprattutto agli alunni delle scuole e agli artisti non professionisti.
Presenti il presidente del Club UNESCO “Federico II” Massimiliano Monaco, il dirigente scolastico dell’Istituto “Manzoni” Liliana Grasso, il vicepresidente-vicario della Federazione Italiana dei Club e Centri UNESCO Pietro Agnusdei e Lucia Onorati a fare le veci di Giuseppe De Sabato, Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale, la quale ha parlato dell’importanza di iniziative di questo genere per aiutare le giovani generazioni a recuperare l’attenzione per quelle bellezze che spesso diamo per scontate e alle quali perciò non facciamo più caso. Questi monumenti sono testimoni della nostra storia, delle nostre radici che quindi vanno tramandate.
Questi i nomi dei vincitori:
Sezione 1 – Scuola Primaria
 1° Angelo CARRETTA – classe V D .“A. Gabelli” Foggia
 2° Giorgia MONTUORI – classe V A “A.Manzoni” Lucera
 3° Federica TIBELLO – classe IV A “A.Manzoni” Lucera
Riconoscimenti speciali ai disegni di gruppo fuori concorso.
Sezione 2 – Scuola Secondaria di I grado
1° Cecilia PETRUCCELLI – classe III B “A. Manzoni” Lucera
 2° Leonarda Pia LA MALVA – classe III A “A. Manzoni” Lucera
 3° Iman EL OUARDI – classe III F “A.Manzoni” Lucera
Opere particolarmente significative:
 Grazia IACOVINO – classe III A “A. Manzoni” Lucera
 Alissa Lucia LEONE – classe III A “A. Manzoni” Lucera
Sezione 4 – Artisti non professionisti
1° “Sarà l’alba…” di Maria Paola CUPPONE
2° “La Leonessa daunia” di Fabio D’APOLLO
 3° “Un ponte tra passato e futuro” di Daniela DI GIOVINE
Opere particolarmente significative: “Castle” di Stefano FORTUNATI
Sezione 4 – Fotografi non professionisti
 1° “27 luglio 2011” di Giorgia FEROSI
 2° “Incanto intramontabile” di Michele MAROTTA
 3° “Torre della Leonessa” di Antonio CIBELLI
Opere particolarmente significative: “Torre 1” di Donato NARDUCCI.
 Ai primi classificati anche l’iscrizione gratuita per un anno al Club Unesco.All’interno dell’evento, che è caduto nel 66° anniversario della fondazione dell’Unesco, è stata celebrata anche la “Giornata mondiale delle Foreste” con il messaggio di pace dell’indio Atucà, di etnia Guaranì, rappresentante delle Comunità Xavante, Guaranì e Xucarramalho, che vivono al confine tra Argentina, Brasile e Paraguay.
L’ospite ha parlato di come il suo popolo vive il problema del disboscamento della foresta amazzonica, vero “polmone del mondo”, considerando anche che spesso, nella loro cultura, gli alberi continuano sulla terra la vita di tutti i cari che non ci sono più. Atucà ha posto l’attenzione soprattutto sulla violenza dei forti interessi capitalistici che schiacciano popoli e culture come la sua preoccupandosi esclusivamente del profitto. “Quando tutte le risorse saranno terminate – continua Atucà – si renderanno conto che il denaro non è poi così fondamentale”. Vestito secondo la tradizione degli Indios, ha spiegato il significato di alcuni suoi ornamenti come il bracciale rosso, che porta per ricordare la gente del suo popolo caduta nella difesa dei propri diritti, e quello azzurro, che invece simboleggia il fiume.
Attuare la riforestazione, riflette Atucà, non significa ripristinare l’habitat che è stato distrutto “Le materie prime, la biodiversità, gli animali che abitavano quell’ambiente, non possono ritornare da un giorno all’altro, riforestazione significa solo piantare alberelli per continuare a produrre legno, che viene esportato in tutto il mondo”  continuando, di fatto, a servire quegli interessi economici di cui si diceva prima, quegli interessi che, in maniera prepotente, li privano della loro storia e dei loro ricordi. “Noi abbiamo i vostri stessi bisogni, siamo fratelli” ha detto Atucà che per tutto il suo intervento ha cercato di creare una connessione tra il pubblico e il suo popolo evidenziando come i problemi del pianeta riguardino tutti e le sofferenze di un popolo, i soprusi e le violenze subite da ogni singolo uomo siano sempre una violazione dei diritti civili che tocca tutta l’umanità.

Categories: Comunicati stampa

Nella ricorrenza del 66° anniversario della fondazione dell’UNESCO (Londra, 16.11.1945), mercoledì 16 novembre 2011, presso l’ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO “A. MANZONI” di Lucera (via Podgora, n. 36), questo Club UNESCO è lieto di invitare la S.V. alla celebrazione della Giornata Mondiale delle Foreste.
Dopo gli indirizzi di saluto del dott. Massimiliano Monaco, presidente del Club UNESCO “Federico II”, della prof.ssa Liliana Grasso, dirigente scolastico dell’Istituto scolastico “Manzoni”, dell’avv. Pietro Agnusdei, vicepresidente-vicario della Federazione Italiana dei Club e Centri UNESCO e del dott. Giuseppe De Sabato, Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale, il programma della giornata prevede dapprima la cerimonia di consegna dei premi ai vincitori del Concorso di Arti Visive “Punta al Castello”, che per un intero anno (16.11.2010 – 31.10.2011) ha tenuto desta l’attenzione sull’area della fortezza svevo-angioina di Lucera, luogo di notevole valenza archeologica, capolavoro unico dell’architettura mondiale e patrimonio culturale di grande interesse storico e artistico per l’umanità.
Al concorso, organizzato dal Club UNESCO di Lucera con il patrocinio della Città di Lucera (Assessorato alla Cultura e Pubblica Istruzione) e della Provincia di Foggia (Assessorato alla Cultura e alle Politiche Scolastiche) ed in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale, il Foto Cine Club, l’Accademia di Belle Arti e la Delegazione del Fondo Ambiente Italiano di Foggia, hanno partecipato 146 concorrenti (4 artisti, 24 fotografi, 118 studenti) con la presentazione di 202 lavori (123 disegni e 79 fotografie).
All’interno del “Decennio dell’Educazione allo Sviluppo Sostenibile” (2005-2014), l’iniziativa assume un’evidenza particolare perché celebrata in occasione della annuale campagna di sensibilizzazione lanciata dalle Nazioni Unite attraverso l’UNESCO a favore di un futuro più equo ed armonioso, rispettoso del prossimo e delle risorse del pianeta: l’Anno internazionale delle Foreste (2011).
Seguirà (h. 11-12.30) lo spettacolare messaggio di pace dell’indio Atucà, di etnia Guaranì, rappresentante delle Comunità Xavante, Guaranì e Xucarramalho, che vivono al confine tra Argentina, Brasile e Paraguay, sul tema: “La sofferenza della foresta sudamericana attraverso la voce del suo popolo estinto”.
La testimonianza di Atucà Guaranì, ricca di evocazioni storiche e di riferimenti ad antiche tradizioni, presenterà al pubblico le difficoltà di sopravvivenza causate dal continuo disboscamento, senza limiti e senza regole, della magnifica foresta amazzonica, vero “polmone del mondo”, ricco di risorse naturali e di biodiversità.
Atucà farà uso di materiali artigianali come archi, frecce, boleadoras (armi tradizionali dei nativi sudamericani), tronchi di alberi e altri strumenti musicali tipici e rappresentativi delle comunità indigene che non riescono più a sopravvivere nel loro habitat naturale.
Grazie per l’attenzione.
Cordiali saluti.

Categories: Articoli

Si è svolto a Lucera, lo scorso 7 ottobre il secondo convegno di studi organizzato dal Club UNESCO ‘Federico II’ all’interno del ciclo di incontri “Lucera Medievale”, rivolto a creare percorsi di educazione periodica alla conoscenza e alla difesa del patrimonio artistico e monumentale della nostra città, e ad affermare il significato e il valore della conoscenza scientifica della propria storia, condizione indispensabile per comprendere se stessi e per progettare il proprio futuro. In un clima caratterizzato da molte e contrastanti ‘attenzioni’ sui progetti di recupero che interessano la monumentale Fortezza svevo-angioina di Lucera, la serata ha visto come relatori i due medievalisti Cosimo D’Angela, professore di archeologia medievale e Presidente della Società di Storia Patria per la Puglia, che ha illustrato gli aspetti della Lucera longobarda e Pasquale Corsi, professore ordinario di storia medievale e Vicepresidente dell’Accademia Pugliese delle Scienze, che ha intrattenuto il folto pubblico presente nell’Auditoriun dell’Hotel Palace sulla Lucera bizantina. Grandi gli apprezzamenti e i consensi riscossi dai due illustri accademici, soprattutto per la semplicità e la comprensibilità con cui hanno trattato i loro temi. Non meno interessanti sono risultati gli interventi iniziali del presidente del Club Unesco di Lucera, dott. Massimiliano Monaco, del Vicesindaco, avv. Mario Follieri e del dirigente del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Arch. Nunzio Tomaiuoli, e le considerazioni conclusive del consigliere Nazionale avv. Pietro Agnusdei, Vicepresidente vicario della Federazione Italiana dei Club e Centri UNESCO (FICLU).

L’incontro si è concluso con la sottoscrizione di un documento programmatico, di carattere storico-artistico, dal titolo “Lucera e la sua fortezza medievale. Da Monumento Nazionale a Patrimonio dell’Umanità?”, finalizzato ad incoraggiare l’inserimento della fortezza di Monte Albano nella “tentative list” nazionale dei monumenti candidati a diventare Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Affidando alle Autorità competenti questo grande progetto, invitiamo le stesse, ha rimarcato l’avv. Agnusdei, a crederci e ad andare avanti nell’interesse di tutti.

«Ci siamo più volte chiesti e continuiamo a chiederci, anche alla luce degli ultimi scellerati incendi che hanno preso di mira l’area – ha detto invece il presidente del Club di Lucera dott. Monaco – se i tempi sono maturi per questo grande impegno che guarda il nostro futuro. E tuttavia, senza fiducia eccessiva, ma anche senza timori esagerati, sentiamo di affermare che, ancora una volta, ma particolarmente in questo momento così delicato, l’importante non è arrivare, non è giungere alla meta, ma è partire, avviare un percorso serio, consapevole ma, soprattutto, condiviso. Se è vero che tutti ci dichiariamo insoddisfatti, ma nessuno ha le idee o il coraggio di cambiare, allora essenziale non è il clamore delle affermazioni o dei proclami, ma la perseveranza e l’unità di intenti nel tempo».

La serata ha visto anche un chiarimento sugli attuali progetti di restauro che stanno in questi giorni interessando l’area interna della Fortezza, dove, ha dichiarato l’arch. Tomaiuoli, la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici ha vietato la costruzione dei cosiddetti casoni angioini e ha imposto al Comune e alla direzione dei Lavori di collocare altrove i reperti musivi provenienti dalla villa tardoantica scoperta in località San Giusto, che probabilmente troveranno la loro giusta e definitiva allocazione nel giardino retrostante il restaurato complesso del SS.mo Salvatore, sebbene ciò potrebbe limitarne la fruibilità.

Intanto un’altra iniziativa lanciata dal Club UNESCO di Lucera, di cui abbiamo più volte dato notizia, sta per giungere a compimento. Il 31 ottobre prossimo scade infatti il concorso internazionale di fotografia e di arti visive “Punta al Castello”, la cui partecipazione è libera e gratuita e, soprattutto, indicata per le scuole di ogni ordine e grado.

Categories: Comunicati stampa

Venerdì 7 ottobre 2011, alle ore 19, avrà luogo presso il PALACE HOTEL LUCERA (S.P. 5 Lucera – Pietramontecorvino, km 3) il secondo seminario di studi “Lucera Medievale”, incentrato sul tema: “Tra longobardi e bizantini”. L’iniziativa risponde ad una precisa volontà del Club UNESCO ‘Federico II’ di Lucera, presieduto dal dott. Massimiliano Monaco, di promuovere attraverso una più diffusa conoscenza scientifica, la città sede della più vasta fortezza medievale d’Europa.
Ad un anno dalla prima edizione, svoltasi il 18 ottobre 2010 con gli interventi dell’arch. Nunzio Tomaiuoli e della prof.ssa Maria Stella Calò Mariani, molte e contrastanti attenzioni continuano a suscitare i progetti che riguardano la monumentale struttura medievale di Lucera, simbolo, nel tempo, delle speranze e degli ideali di vita di popoli con lingue, tradizioni e culture diverse.
L’iniziativa rientra a pieno titolo tra le finalità culturali dell’UNESCO, che in tutto il mondo propone percorsi di educazione alla conoscenza e alla difesa del patrimonio artistico e monumentale dei popoli, nella consapevolezza che la valorizzazione educativa dei simboli del patrimonio culturale e naturale di valenza non comune, in quanto patrimonio universale di tutte le popolazioni, porta allo sviluppo umano, culturale ed economico di tutte le nazioni del mondo, riappacificando non solo i popoli tra di loro, ma legando anche i popoli ai loro monumenti.
L’incontro 2011 è interamente dedicato alla storia di Lucera nell’Altomedioevo, ed in particolare al periodo della dominazione longobarda e bizantina della Capitanata (secoli VI – XI) e si avvale della preziosa collaborazione della Società di Storia Patria per la Puglia, sodalizio a cui appartengono i due qualificati relatori della serata: Cosimo D’Angela, Presidente della Società di Storia Patria per la Puglia e professore di archeologia medievale presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Bari, sede di Taranto, che parlerà della “LUCERA LONGOBARDA” e Pasquale Corsi, professore ordinario di storia medievale alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Bari e VicePresidente dell’Accademia Pugliese delle Scienze, che tratterà il tema “LUCERA E I BIZANTINI”.
Concluderà la serata la presentazione ufficiale, ai rappresentanti delle Istituzioni del territorio, del documento “Lucera e la sua fortezza medievale. Da Monumento Nazionale a Patrimonio dell’Umanità?”, finalizzato ad incoraggiare l’inserimento della Fortezza di Lucera nella “tentative list” nazionale dei monumenti candidati a diventare Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Avv. Pietro Agnusdei
(addetto stampa Club UNESCO ‘Federico II’ Lucera)